1 - 8 MAGGIO, LA MIA SETTIMANA DEI CAMPIONI

8 maggio 2010

Questo è il mio "misero" omaggio a due campioni come Gilles Villeneuve e Ayrton Senna Da Silva. Il primo eroe l'ho rivissuto attraverso le riviste prima e internet poi, insieme a collezioni di VHS e DVD; l'altro eroe ho avuto la fortuna di vederlo in azione anche dal vivo.
Le emozioni che mi suscitano ogni volta sono sempre le stesse e sempre nuove. Sportivamente erano eccezionali, Villeneuve non "levava" mai il piede, Senna iniziava la distruzione degli avversari già al sabato con un giro in qualifica (sempre all'ultimo minuto) che scoraggiava chiunque. Umanamente trasmettevano e mi trasmettono ancora emozioni che oggi nessuno sa più dare. Un ricordo favoloso che ho del Canadese è la sua voglia di "ritoccare" il suo record Maranello-Monaco con la Ferrari stradale, il saper guidare l'elicottero, l'aver iniziato a correre sulle moto slitte e andare ai GP con tutta la famiglia e tromba al seguito.
Il Brasiliano rimane l'icona positiva di un intero popolo. Ho avuto la fortuna di trascorre qualche giorno a San Paolo del Brasile, e tutto parlava di Ayrton, la sua era una presenza costante. Le strade, le autostrade e interi quartieri portano il suo nome, le varie fondazioni sparse in mega palazzi ancora con il suo nome. E infine Morumbi, gli hanno riservato il posto più in alto in cima ad una collinetta quasi come fosse un podio, e lui naturalmente al numero 1. Di lui ricorderò sempre l'amore in Dio e il bene che ha fatto e che continua a fare attraverso ciò che ha costruito a suo tempo, ma soprattutto ricorderò come lo ha fatto, ovvero senza mai "sbianderarlo ai quattro venti". Il mio casco porta da sempre i colori di questi due EROI, e quando lo indosso ho come la sensazione che due Angeli Costudi si "posino" in macchina aiutandomi a guidare.hublot replica uhren | replica orologi omega | replica rolex

Adeus Ayrton, Salut Gilles.